Select Page

Negli ultimi decenni l’Europa orientale è diventata una delle regioni a più rapida crescita del mondo. Questa “gemma nascosta” dell’Europa ha conosciuto una rapida crescita economica e una modernizzazione, ma è ancora poco apprezzata dagli investitori. Con l’Unione europea che continua a estendere la sua influenza verso est, molti Paesi di questa parte d’Europa hanno visto il boom dei loro mercati finanziari. Il numero crescente di investitori stranieri contribuisce a far salire le valutazioni delle imprese locali. Quali sono dunque i mercati più interessanti dell’Europa dell’Est in questo momento? Quali opportunità vale la pena esplorare in questo momento? E quali sono gli investitori da seguire per rimanere informati sulle nuove opportunità che si presentano?

Prima di prendere una decisione di investimento all’estero, ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione. In quali settori dovrebbe investire l’investitore e dove? Alcune delle opzioni più interessanti per gli investitori sono:

  • Le dimensioni e il potenziale di crescita.
  • La possibilità di accedere a risorse naturali non disponibili nel Paese dell’investitore.
  • Nuovi consumatori e mercati.
  • La riduzione dei costi di produzione grazie all’accesso a nuove tecnologie o a manodopera competitiva.
  • La ricerca di nuovi asset strategici nelle economie locali, tra cui marchi, nuove tecnologie e canali di distribuzione.

Investire in Europa orientale è un’opportunità interessante per molti investitori. Prima di investire, è necessario conoscere i mercati esteri. La stabilità politica, il potenziale di crescita economica e la regolamentazione delle imprese sono tutti aspetti di vitale importanza.

Investire in Bulgaria

Il processo di transizione economica dal comunismo all’economia di mercato non è stato facile per la Bulgaria. Il Paese sta ancora lottando con alti livelli di disoccupazione e povertà, oltre che con le conseguenze di una serie di scandali finanziari. Nonostante ciò, le cose stanno migliorando per il Paese. A settembre 2017, la Banca Mondiale ha rivisto le previsioni di crescita per la Bulgaria dal 2% al 3,1%, definendole una “sorpresa al rialzo” guidata da esportazioni e investimenti in attività fisse più forti del previsto. Questi sono i primi giorni di quello che sarà un lungo viaggio verso una prosperità duratura. Per gli investitori, ci sono opportunità interessanti in ogni segmento di mercato: che si tratti di immobili, agricoltura, tecnologia o servizi.

Opportunità di investimento in Bulgaria

Il fatto stesso che la Bulgaria sia ora un membro dell’Unione Europea è una forte motivazione per gli investimenti diretti esteri. Ciò significa che gli investitori di tutto il mondo possono creare un’attività in Bulgaria, utilizzando i finanziamenti dell’UE e facendo parte di un grande mercato comune con oltre 500 milioni di clienti. Il programma di privatizzazione in Bulgaria è quasi completo. Vi sono diversi settori aperti agli investimenti stranieri: energia, telecomunicazioni, trasporti, turismo e sanità. Gli investitori con una prospettiva a lungo termine possono aspettarsi rendimenti interessanti in Bulgaria.

Immobiliare

Il settore immobiliare è stato uno dei più colpiti dalla crisi finanziaria. Ora la situazione sta cambiando. Nel 2017, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) ha registrato una forte crescita dello sviluppo immobiliare in Bulgaria. Il numero di progetti è aumentato del 50% rispetto all’anno precedente. I prezzi degli immobili sono ancora inferiori ai livelli massimi raggiunti prima della crisi. Questo rende l’investimento immobiliare in Bulgaria un buon investimento. I prezzi torneranno a salire con il miglioramento dell’economia. Il mercato immobiliare in Bulgaria è ancora poco sviluppato. La maggior parte degli investitori preferisce i mercati più sviluppati dell’Europa occidentale. In Bulgaria c’è ancora molto spazio per l’espansione. Il Paese ha bisogno di nuove aree residenziali e quartieri commerciali. Gli investitori immobiliari possono aspettarsi un ritorno stabile e sano dai loro investimenti.

Agricoltura e produzione alimentare

La Bulgaria è un grande Paese agricolo. Quasi la metà del territorio nazionale è utilizzata per la coltivazione e l’allevamento del bestiame. Molti di questi prodotti vengono esportati. L’agricoltura è un investimento interessante in Bulgaria. Il settore è ad alta intensità di manodopera e può quindi contribuire a creare opportunità di lavoro per un gran numero di persone. I prodotti agricoli sono anche molto interessanti per l’esportazione. Con l’aiuto dell’UE, il settore agricolo bulgaro può avere ancora più successo. La produzione alimentare è un’industria stabile. Ci si può aspettare che fornisca profitti stabili durante tutto il ciclo economico. Gli investitori possono coltivare grandi quantità di colture e allevare animali da fattoria. Possono anche investire nella lavorazione, nel confezionamento e nella distribuzione degli alimenti.

Turismo

Il turismo è un altro settore che ha sofferto durante la crisi finanziaria. Sono necessari nuovi investimenti in questo settore per migliorare il contributo del turismo all’economia bulgara. Il turismo è un’industria stabile. Il numero di turisti che visitano un Paese fluttua, ma non risente dei cicli economici come altri settori. L’industria del turismo fornisce inoltre ulteriori benefici sotto forma di occupazione e di entrate derivanti da tasse e imposte. Per gli investitori, l’aspetto positivo del settore turistico è che può essere gestito su piccola scala. Un piccolo hotel o un bed and breakfast possono essere redditizi e contribuire all’economia locale. Investire nell’industria del turismo in Bulgaria è una buona strada da percorrere. Questo Paese ha molto da offrire ai turisti, dal clima piacevole durante tutto l’anno alle attrazioni storiche e alle bellezze naturali. Molti turisti sono attratti anche dalla variegata vita culturale della Bulgaria.

Tecnologia e telecomunicazioni

Il settore delle telecomunicazioni in Bulgaria si è sviluppato rapidamente, con un forte sostegno da parte del governo. Le telecomunicazioni sono una parte importante dell’economia. Questo settore è caratterizzato da rapidi cambiamenti, nuove tecnologie e una forte concorrenza. Queste condizioni rendono le telecomunicazioni un settore interessante per gli investitori. Gli investitori possono avviare una società di telecomunicazioni in Bulgaria. Possono fornire servizi Internet o telefonici, oppure sviluppare e fornire la tecnologia necessaria. Le aziende di telecomunicazioni possono essere create su larga scala con un alto grado di specializzazione.

Servizi

La Bulgaria è una destinazione attraente per i turisti. Cresce anche il numero di studenti provenienti da altri Paesi che vengono a studiare nelle università locali. Gli studenti e i turisti stranieri spendono denaro. Questo crea nuove opportunità di lavoro e introiti per l’economia locale. Il turismo e l’istruzione sono due settori in cui esistono potenziali opportunità di cooperazione tra la Bulgaria e altri Paesi dell’Asia centrale e sudorientale.

Conclusione

La Bulgaria rappresenta un’interessante opportunità di investimento per gli investitori di tutto il mondo. Questo Paese ha una lunga storia e una ricca cultura. È anche un luogo attraente per gli affari grazie alla sua posizione, ai bassi costi di gestione e alla disponibilità di una forza lavoro qualificata e a basso costo. Nel complesso, la Bulgaria è un luogo interessante per fare affari. È anche un’opportunità interessante per gli investitori. Con la giusta strategia di investimento e il giusto capitale, è possibile far crescere la propria attività e ottenere profitti. Per approfondimenti sulla Bulgaria ti consigliamo di visitare il sito Biancoverderosso.

Investire in Romania

Investire in Romania non è privo di rischi. Questo vale per qualsiasi mercato, ma soprattutto per i mercati emergenti come la Romania. Tuttavia, anche le ricompense sono elevate e gli investitori disposti ad assumersi un rischio calcolato possono ottenere notevoli ritorni sui loro investimenti. Investire in Romania può essere difficile a causa dell’instabilità politica e della corruzione che spesso si accompagnano ai mercati emergenti. Personaggi senza scrupoli hanno approfittato di stranieri che cercavano di investire in Romania vendendo loro proprietà falsamente pubblicizzate come condomini di lusso o ville, mentre in realtà si trattava di piccoli appartamenti o edifici inesistenti. Gli investitori devono essere cauti prima di impegnare il loro denaro e fare molte ricerche in anticipo. Tuttavia, in Romania ci sono molti istituti finanziari affidabili, quindi non è impossibile trovarne uno a cui affidare il proprio denaro.

Truffe sugli investimenti in Romania

Molte truffe di investimento in Romania hanno come obiettivo gli stranieri. Quando si esaminano le opportunità di investimento in Romania è importante tenerne conto. Ci sono molte ragioni per cui i truffatori prendono di mira gli stranieri, ma la più importante è che è improbabile che questi denuncino il reato alle autorità. I truffatori spesso cercano di apparire legittimi e spesso affermano di lavorare con una società legittima. Tuttavia, spesso addebitano una tariffa eccessiva o richiedono il pagamento in una forma insolita, come le carte regalo. Se un’azienda vi chiede di pagare una tariffa eccessiva o vi richiede un pagamento in una forma insolita, potete essere certi che si tratta di una truffa. Esistono diverse truffe di cui gli investitori in Romania devono essere consapevoli. Una delle più comuni è la truffa immobiliare. Questi truffatori inducono gli investitori ad acquistare una proprietà che non esiste o che è significativamente diversa da quella pubblicizzata. Un altro tipo di truffa comune tra gli investitori immobiliari in Romania è la truffa della multiproprietà. Questi truffatori convincono gli investitori ad acquistare delle multiproprietà per rivenderle con profitto. Tuttavia, spesso non riescono a trovare acquirenti e si limitano a trattenere il denaro senza mai avere l’intenzione di dare la multiproprietà all’investitore.

Il mercato immobiliare in Romania

Il mercato immobiliare in Romania è uno degli aspetti più interessanti dell’investimento nel Paese. Il mercato è molto promettente e si prevede un aumento significativo nei prossimi anni. Il mercato è anche molto conveniente, il che lo rende una scelta interessante per gli investitori con un budget limitato. Inoltre, il mercato immobiliare rumeno è estremamente diversificato, il che significa che ci sono molti tipi diversi di proprietà tra cui scegliere. Questi includono sia proprietà commerciali che residenziali. Gli immobili residenziali in Romania comprendono sia appartamenti che case. Gli investitori disposti a cercare fuori città possono trovare immobili molto economici. Oltre alle proprietà residenziali, gli investitori possono scegliere tra un’ampia gamma di proprietà commerciali. Questi includono tutto, dagli edifici per uffici ai centri commerciali.

Istituzioni finanziarie per investire in Romania

In Romania esistono numerosi istituti finanziari che consentono agli investitori di trarre vantaggio dalla crescita economica del Paese. Tuttavia, è importante scegliere con saggezza la banca in cui depositare il proprio denaro. Il modo migliore per trovare una banca affidabile è fare una ricerca online. È possibile trovare recensioni e raccomandazioni su diverse banche in numerosi siti web. Si consiglia inoltre di visitare il sito web della Banca Centrale di Romania. Lì troverete un elenco di tutte le banche che operano in Romania. È possibile selezionare ogni banca e leggerne il profilo per farsi un’idea più precisa della sua sicurezza.

Fondi negoziati in borsa (ETF)

I fondi negoziati in borsa sono fondi che seguono un particolare indice, merce o settore. Come i fondi comuni, sono composti da un paniere di attività, ma sono negoziati in borsa e hanno costi di gestione inferiori a quelli dei fondi comuni. Gli ETF possono essere utilizzati per la crescita del capitale sia a lungo che a breve termine. Possono anche essere utilizzati come copertura contro determinati settori o materie prime. Esistono diversi ETF che seguono il mercato azionario rumeno. Tra questi, l’iShares MSCI Romania ETF, il Vanguard Emerging Markets Stock ETF e l’iShares MSCI Emerging Markets ETF. È inoltre possibile investire in società minerarie aurifere attraverso ETF come il VanEck Vectors Gold Miners ETF e il VanEck Vectors Junior Gold Miners ETF.

Conclusione

La Romania offre molte opportunità agli investitori. Tuttavia, è importante fare ricerche e trovare le giuste opportunità per il proprio portafoglio di investimenti. È anche importante scegliere un istituto finanziario affidabile in cui collocare il proprio denaro. Può essere un compito scoraggiante, ma con un po’ di ricerca e di pazienza potrete trovare il posto perfetto per il vostro denaro. Per saperne di più su come investire in Romania puoi consultare il sito investireinromania.it.

Investire in Ungheria

Investire in Ungheria significa, oltre a un’opportunità di investimento, anche intraprendere un viaggio culturale in un Paese che non conoscevi ancora. Il mercato dei titoli di Stato è quello più lontano da noi, eppure ci sono alcune opportunità che non possiamo rinviare. Ma come investire in Ungheria? Ti forniamo tutte le informazioni utili per capire meglio la situazione e valutare se investire o meno.

Qual è l’attuale situazione economica dell’Ungheria?

L’Ungheria sta attraversando un’importante transizione economica e sociale. Il Paese sta cercando di gestire il difficile equilibrio tra la necessità di riformare l’economia e quella di mantenere la coesione sociale. L’economia ungherese è attualmente in fase di espansione e si prevede una crescita di circa il 2,6% nel 2019. Il tasso di crescita dovrebbe essere leggermente inferiore a quello degli ultimi due anni (circa 3,3% nel 2018 e 3,7% nel 2017). Il rallentamento è dovuto principalmente all’affievolirsi dell’impatto del programma di investimenti e appalti su larga scala del governo, che ha favorito la crescita nel 2017 e nel 2018. Il deficit fiscale del governo è diminuito significativamente negli ultimi anni e la Banca Nazionale Ungherese (MNB) ha mantenuto una politica monetaria relativamente rigida. Si prevede che nel 2019 il tasso di interesse di riferimento della MNB rimarrà all’attuale livello dello 0,9%.

Il contesto degli investimenti in Ungheria

Il contesto degli investimenti in Ungheria è relativamente trasparente e prevedibile. Il Paese dispone di un solido quadro normativo, di un mercato finanziario ben sviluppato e di una forza lavoro qualificata e istruita. La capitale dell’Ungheria, Budapest, è diventata un centro leader per i servizi finanziari nell’Europa centrale e orientale, con un gran numero di società multinazionali che vi hanno la loro sede regionale. Nonostante sia un’economia di piccole dimensioni (PIL di 130 miliardi di euro nel 2018), l’Ungheria offre un’ampia gamma di industrie e settori in cui gli investitori stranieri possono operare, tra cui l’industria manifatturiera (ad es. automobilistica, chimica, energetica, ecc.), l’informatica, la sanità e il turismo.

Tassazione in Ungheria

La pressione fiscale in Ungheria è relativamente bassa e negli ultimi anni è in costante diminuzione. L’imposta sulle società è pari al 9% (rispetto a una media mondiale del 19%), mentre l’imposta sul reddito delle società e delle persone fisiche è pari rispettivamente al 16% e al 19% (rispetto a una media mondiale del 26%). Si prevede che queste aliquote diminuiscano ulteriormente in futuro, nell’ambito di un piano governativo volto a trasformare l’Ungheria in un luogo attraente per gli investimenti.

Come investire in Ungheria?

Ci sono molte ragioni per venire a investire in Ungheria. Gli investitori possono contare su un ambiente economico stabile, una bassa tassazione e una forza lavoro qualificata e ben istruita. La posizione geografica e culturale del Paese garantisce un investimento sicuro e affidabile in una regione che ha un grande potenziale. Il mercato ungherese è ampio e in crescita. La popolazione del Paese è di 10 milioni di abitanti, ma altri 10 milioni vivono in Paesi limitrofi che sono strettamente legati al mercato ungherese.

Pro e contro degli investimenti in Ungheria

Pro – Un ambiente stabile e attraente per gli investimenti – L’economia ungherese dovrebbe crescere del 2,6% nel 2019. Contro – Il mercato ungherese è altamente competitivo – L’alto livello di concorrenza rende difficile avere successo nel mercato locale.

Conclusione

L’Ungheria è un Paese dell’Europa centrale senza sbocco sul mare, con una popolazione di 10 milioni di abitanti. L’economia ungherese è attualmente in fase di espansione e il Paese presenta un ambiente stabile per gli investimenti con una bassa tassazione. Il mercato ungherese è ampio e in crescita, il che lo rende un luogo interessante per gli investitori stranieri in cerca di nuove opportunità. Per approfondimenti puoi leggere le pagine del sito aprireinungheria.com.

Investire in Polonia

Tutti sanno che l’economia globale è in crescita e che i mercati emergenti sono in testa. Questi Paesi più piccoli e meno sviluppati stanno crescendo a un ritmo più veloce rispetto al mondo sviluppato e nuovi investitori vedono opportunità nei mercati emergenti. I mercati emergenti come la Polonia stanno registrando una forte crescita, soprattutto grazie al basso costo della manodopera e alla presenza di un governo stabile e di infrastrutture solide. Gli investitori di tutto il mondo sono entusiasti di investire in Polonia e non è difficile capire perché. Con un tasso di crescita del PIL del 3,1% nel 2017, la Polonia vanta una delle economie a più rapida crescita in Europa. Inoltre, la Polonia offre incentivi fiscali favorevoli agli investitori stranieri, che hanno già attirato molte aziende di alto profilo come Amazon, McDonald’s, Carrefour e H&M. Questo articolo analizza gli investimenti in Polonia e le altre opportunità di investimento disponibili se volete diversificare il vostro portafoglio con i mercati emergenti.

Perché la Polonia?

La Polonia è un buon posto per investire per molte ragioni. Innanzitutto, il Paese ha una classe media numerosa e in crescita, che rappresenta un enorme mercato di consumo. In secondo luogo, la Polonia ha una forza lavoro ben istruita, un governo stabile e una posizione strategica tra Occidente e Oriente. Infine, il Paese dispone di una solida infrastruttura con un sistema bancario ben sviluppato. Tutti questi elementi rendono la Polonia una buona scommessa per gli investitori, soprattutto in considerazione del basso costo del lavoro e del basso costo della vita. La Polonia fa parte dell’UE, il che significa che gli investitori possono accedere al mercato unico e commerciare con il resto del mondo. La Polonia ha anche un settore IT in crescita, che si prevede creerà più posti di lavoro e attirerà ancora più investitori. Si prevede inoltre che il Paese abbia una prospettiva demografica positiva e che possa diventare la più grande economia dell’Europa centrale.

Strategia di crescita dei mercati emergenti

Qualsiasi strategia di investimento che coinvolga società all’avanguardia nell’economia globale comporta rischi e vantaggi. Se a ciò si aggiunge un mercato emergente (o di frontiera), si assume un’ulteriore volatilità. I mercati emergenti comprendono paesi in via di industrializzazione e meno stabili delle economie sviluppate. Le società dei mercati emergenti sono generalmente più piccole delle loro controparti dei mercati sviluppati, il che significa che i rischi associati alle piccole società sono amplificati. Se la società fallisce, anche le perdite saranno maggiori. Ma se l’azienda ha successo, anche i suoi guadagni saranno maggiori. Le società dei mercati emergenti dipendono spesso dalle condizioni economiche globali. In caso di rallentamento dell’economia globale, queste società potrebbero registrare una domanda più debole, che potrebbe portare a una correzione dei loro prezzi azionari.

I vantaggi di investire in Polonia

  • Forte crescita economica: La Polonia ha una delle economie in più rapida crescita in Europa e una forza lavoro giovane e istruita che attrae gli investitori.
  • Basso costo del lavoro: La posizione del Paese e il basso costo della vita lo rendono un luogo interessante per la produzione di beni. È anche sede di alcune delle più grandi aziende tecnologiche d’Europa.
  • Infrastrutture solide: La Polonia ha un sistema bancario ben sviluppato, un sistema di trasporti ben collegato, una rete di telecomunicazioni relativamente moderna e una discreta rete di porti e aeroporti.
  • Posizione strategica: Il Paese è situato tra l’Occidente e l’Oriente, il che lo rende un buon posto per gli investitori per fare affari. La Polonia fa anche parte dell’UE e ha una forza lavoro ben istruita, che la rende interessante per le aziende tecnologiche.
  • Forti prospettive demografiche: Si prevede che il Paese avrà prospettive demografiche positive e sarà la più grande economia dell’Europa centrale.

Avvertenze per gli investitori

Gli investimenti nei mercati emergenti comportano rischi e volatilità aggiuntivi. Diversi Paesi, come la Polonia, sono cresciuti negli ultimi anni e possono presentare interessanti opportunità di investimento. Tuttavia, gli investitori devono essere consapevoli dei rischi associati agli investimenti nei mercati emergenti, che generalmente presentano livelli più elevati di rischio politico, volatilità economica e rischio di liquidità. Inoltre, le società dei mercati emergenti tendono a essere più piccole delle loro controparti dei mercati sviluppati, il che significa che i rischi associati alle piccole società sono amplificati. Se la società fallisce, anche le perdite saranno maggiori. Ma se la società ha successo, anche i suoi guadagni saranno maggiori. Per questi motivi, l’investimento nei mercati emergenti è generalmente indicato per gli investitori più aggressivi che si sentono a proprio agio con i rischi associati a questi investimenti.

Considerazioni finali: È il momento giusto per investire in Polonia?

L’economia globale è in crescita e i mercati emergenti sono in testa. Questi Paesi più piccoli e meno sviluppati crescono a un ritmo più veloce rispetto al mondo sviluppato e nuovi investitori vedono opportunità nei mercati emergenti. La Polonia, in particolare, è un buon posto dove gli investitori possono investire. Il Paese ha una forte crescita economica, un basso costo della vita e una posizione strategica tra Occidente e Oriente. Inoltre, la Polonia offre buoni incentivi fiscali agli investitori stranieri, che hanno già attirato molte aziende di alto profilo come Amazon, McDonald’s, Carrefour e H&M. Se vuoi investire in Polonia il sito Confindustria Polonia è un’utilissima risorsa.

Perché non conviene investire in Russia

Negli ultimi anni la Russia ha subito pesanti perdite da parte degli investitori. Il mercato azionario del Paese è sceso di circa il 60% dal picco raggiunto nel luglio 2008. Inoltre, per il terzo anno consecutivo la Russia è tra i mercati emergenti che hanno registrato le peggiori performance. Con queste prospettive fosche, perché gli investitori dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di investire in Russia? La risposta è che non conviene investire in Russia. Gli investitori intelligenti si tengono alla larga da questo Paese, non perché non ne vedano il potenziale, ma perché sanno cosa dicono i suoi precedenti sul suo futuro.

La Russia non è un paese favorevole agli investimenti

Per un certo periodo, dopo la fine della Guerra Fredda, la Russia è stata un luogo attraente per gli investimenti. Tuttavia, è diventato presto evidente che non è un Paese molto favorevole agli investimenti. Cosa rende un Paese favorevole agli investimenti? Innanzitutto, il Paese deve avere uno Stato di diritto. Ma in Russia lo stato di diritto è debole, nella migliore delle ipotesi. Gli imprenditori, quindi, non possono mai essere sicuri che i loro contratti saranno applicati, che le loro proprietà saranno sicure o che i loro prodotti saranno al sicuro dall’embargo. Anche gli investitori hanno bisogno di trasparenza. Purtroppo, questa non è una caratteristica dell’ambiente imprenditoriale russo. Il clima imprenditoriale russo, pertanto, viene spesso descritto come oscuro. Purtroppo, la situazione non è cambiata molto negli ultimi anni. Nonostante gli sforzi del governo per migliorare il clima imprenditoriale, la posizione della Russia nell’indagine Doing Business della Banca Mondiale è in calo. Non c’è nemmeno una seria intenzione di cambiare la situazione. Ad esempio, il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia non dovrebbe imitare gli standard di governance occidentali.

Le prospettive di crescita della Russia sono scarse

Sebbene l’economia russa sia cresciuta negli ultimi anni, le prospettive di crescita del Paese non sono molto rosee. Il motivo è che la crescita della Russia è stata alimentata da un aumento della spesa pubblica, da un aumento degli investimenti e da una diminuzione dei risparmi. In altre parole, la Russia ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità. Questa situazione non è ovviamente sostenibile. Con il rallentamento dell’economia russa, il Paese non sarà in grado di sostenere l’attuale livello di spesa. In effetti, la spesa pubblica russa si è già contratta dalla seconda metà del 2018. Nel 2020 si terranno le elezioni presidenziali in Russia. Putin dovrebbe candidarsi per un quarto mandato. Dovrà cambiare rotta. Ma potrebbe essere troppo tardi.

L’ambiente imprenditoriale russo è povero

Le prospettive di crescita della Russia sono scarse, ma il contesto imprenditoriale è ancora peggiore. Questo è uno dei motivi per cui le imprese sono riluttanti a investire nel Paese. Anche gli investitori sono cauti. La Russia è un Paese strategicamente importante, ma è un partner commerciale inaffidabile. Essere un partner strategico, tuttavia, non significa che la Russia sia un partner affidabile. Il governo russo è uno dei governi più imprevedibili al mondo. Un giorno è un amico. Il giorno dopo è un nemico. Un giorno è facile fare affari con il governo. Il giorno dopo è impossibile. Non c’è normalità. È sempre anormale. Questa imprevedibilità è il risultato di molteplici fattori, tra cui il fatto che il governo russo è controllato da aziende che hanno interessi concorrenti. Il problema è che in Russia il governo non è separato dalle imprese. Il governo è il business. Per questo motivo le imprese cambiano continuamente posizione, perché sanno che il governo cambierà posizione. Questo è un peccato, perché la Russia ha un grande potenziale. La sua popolazione è istruita. La sua manodopera è qualificata. Purtroppo, questo potenziale non viene realizzato.

Il mercato russo è datato

Ci sono molti mercati nuovi ed emergenti che attirano gli investitori. Ma il mercato russo è datato. Anzi, è estremamente datato, tanto da sembrare una parodia. Questo perché il mercato azionario russo è dominato da un piccolo gruppo di società statali. Le prime 10 società rappresentano circa l’80% del flottante. Le prime 10 società in borsa controllano anche circa l’80% della capitalizzazione totale del mercato. Si tratta di un mercato molto concentrato. Questo non è sempre un male. Ma nel caso della Russia è un male. In un mercato così concentrato, gli investitori non hanno altra scelta che scegliere tra poche società. Purtroppo, queste società hanno gli stessi problemi del mercato russo nel suo complesso: sono vecchie e poco trasparenti.

Il problema sociale della Russia

I problemi sociali che la Russia deve affrontare sono numerosi. Tra questi, la corruzione, la limitata libertà di espressione, la criminalità e la mancanza di uno Stato di diritto. In effetti, il governo russo non è un governo di diritto. È un governo di uomini forti. Ciò significa che il governo governerà in base alla forza dell’uomo al vertice. Questo può funzionare a breve termine, ma non è una soluzione a lungo termine perché non c’è continuità. La persona al vertice non pianifica il futuro. Il problema della regola dell’uomo forte è che se la persona al vertice viene sostituita, è probabile che la nuova persona voglia lasciare il proprio segno. Potrebbe ribaltare le decisioni della persona precedente.

Libertà di espressione limitata in Russia

La limitata libertà di espressione è uno dei problemi più gravi in Russia, non solo perché impedisce di condividere le informazioni, ma anche di valutarle. Il governo russo ha una cattiva reputazione quando si tratta di controllare i media. Il governo controlla i media attraverso la proprietà, la tassazione e la regolamentazione. Utilizza anche la propaganda per promuovere i propri interessi. Tuttavia, nell’era dei media digitali, il governo ha faticato a controllare le informazioni. Ciò ha portato alla promulgazione di leggi volte a prevenire la diffusione di informazioni false. Il problema è che è molto difficile decidere cosa è vero e cosa è falso. Il governo ha usato queste leggi anche per reprimere il dissenso. Così, due leggi sui media sono state usate per imprigionare giornalisti e blogger che criticano il governo.

Crimini di guerra in Ucraina

Molti investitori non sanno che la Russia ha commesso crimini di guerra in Ucraina. Il conflitto scoppiato tra Ucraina e Russia nel 2014 è stato descritto come una guerra ibrida della Russia contro l’Ucraina. Si tratta di una descrizione riduttiva, perché la Russia sta conducendo una guerra ibrida contro il mondo. Questa guerra ibrida è iniziata con l’annessione della Crimea nel 2014 e la successiva guerra nella parte orientale dell’Ucraina. Non si tratta di un incidente isolato. Fa parte di una strategia più ampia di destabilizzazione delle democrazie occidentali. Questa guerra ibrida dimostra che la Russia è un Paese molto pericoloso. Non solo minaccia la pace nel suo vicinato, ma minaccia anche il mondo democratico nel suo complesso.

Sanzioni occidentali alla Russia

Mentre la Russia ha commesso crimini di guerra nell’Ucraina orientale, ha dovuto affrontare anche le sanzioni dell’Occidente. Queste sanzioni sono state imposte alla Russia nel 2014 dopo l’annessione della Crimea, una repubblica autonoma dell’Ucraina. Le sanzioni sono state imposte a causa della violazione dell’integrità territoriale e della minaccia che l’annessione rappresentava per l’ordine europeo post-Guerra Fredda. Le sanzioni sono state imposte a persone e aziende legate al presidente Vladimir Putin e alla sua cerchia ristretta. Questo per punire la Russia per le sue azioni aggressive e destabilizzanti. Queste sanzioni sono state efficaci. Non solo hanno danneggiato l’economia russa, ma anche la sua reputazione nel mondo. Le sanzioni hanno danneggiato gravemente l’economia russa. Hanno causato un calo significativo del valore del rublo russo. Ciò significa che la Russia dipende dalle sue esportazioni di energia. Queste esportazioni hanno aiutato il Paese a riprendersi dalla crisi economica.

In conclusione

Gli investitori sono spesso tentati di investire in Russia per il suo potenziale. Tuttavia, il modo migliore per investire in Russia è non investirci. Gli investitori che vogliono trarre profitto dalla crescita a lungo termine di un Paese devono selezionare attentamente il Paese in cui investire. Per questo motivo, gli investitori devono essere selettivi quando scelgono dove investire il proprio denaro. Devono scegliere un Paese che offra loro un potenziale di crescita e una sicurezza per il loro investimento. Purtroppo, la Russia non soddisfa questi requisiti. Non è un Paese favorevole agli investimenti. L’ambiente imprenditoriale è scarso e l’economia è datata. È anche un Paese molto pericoloso. Se, nonostante le nostre raccomandazioni sei convinto che la Russia possa essere un buon posto per investire ti consigliamo la lettura di questo articolo sul sito Rankia.